ANCHE LE MAIL INQUINANO

computer-675

Otto innocenti mail emettono tanta CO2 quanto quella prodotta da un auto che percorre 1 km. Questi i dati sorprendenti di una ricerca dell' l'Agenzia francese per l'Ambiente e la Gestione dell'Energia.
Quante volte scriviamo una mail o rispondiamo ad una mail per puro formalismo anche se in realtà ne potremmo fare a meno?

E quante volte scriviamo un messaggio di posta elettronica al nostro collega per evitare di fare quattro passi o le scale che ci dividono dalla sua scrivania? E infine, quante volte, piuttosto che scrivere un appunto su un pezzetto di carta diciamo "Ti mando una mail che così ti rimane". Non so a voi, ma a me capita molto spesso. Forse troppo spesso, e me ne accorgo ora che la francese Ademe – Agenzia per l'Ambiente e la Gestione dell'Energia – ha scritto nero su bianco "quanto" l'utilizzo, a volte incontrollato, della posta elettronica possa incidere sul consumo di energia e, di conseguenza, su inquinamento e emissione di gas a effetto serra.
Una semplice, innocua e magari non così importante mail da 1 semplice megabyte emette circa 19 grammi di CO2, calcolati tenendo conto sia del consumo energetico del pc che di quello dei server coinvolti nel traffico. Sarebbe un po' come dire che, per un'azienda con 100 dipendenti che inviano in media 33 messaggi di posta al giorno, per circa 220 giorni all'anno, si producano all'incirca 13,6 tonnellate di CO2, equivalenti, ad esempio, a 13 viaggi andata e ritorno da Parigi a New York.
In poche parole, internet inquina proprio come un volo intercontinentale o un viaggio in auto. Accidenti...l'avreste mai detto?

 

 

Fonte: Bioecogeo goo.gl/edQyj7

Vuoi richiedere i nostri servizi? Hai dubbi sul modo corretto di conferire i rifiuti? Vuoi segnalarci un problema o darci un suggerimento?
Contattaci subito: è facile e gratuito!

JoomShaper